Una fisioterapista tutto fare

Approfondisci

Sono Luca un ragazzo di 35 anni vivo a Roma sono una persona umile che svolge un lavoro umile, con tanti sacrifici da un paio d’anni sono riuscito ad aprire una piccola officina tutta mia essendo un meccanico era il mio più grande sogno lavorare per conto mio senza dover dare conto a nessuno.

Ma purtroppo si sa quando si è indipendenti bisogna fare tutto da soli ed essendo che ultimamente ho lavorato davvero tanto mi sono beccato un bruttissimo mal di schiena.

Circa 10 giorni fa mi sono regato dal mio medico di basa non che anche amico e cliente, dopo avermi visitato mi ha consigliato una quindicina di sedute dal fisioterapista mandandomi da una certa Francesca una terapista di sua conoscenza, conosciuta dal sito Annunci di Massaggi.

Mi sono regato da lei il pomeriggio dello stesso giorno dove ho iniziato la mia seduta di massaggi devo dire che Francesca e veramente una bellissima ragazza slanciata, snella con un corpo abbastanza muscoloso, le sedute sono continuate e tra me e lei è nata anche una bella amicizia che siamo entrati anche in confidenza quando che ora le mie sedute da lei sono diventate anche più piacevoli.

Ieri è stata la mia ultima seduta da lei è onestamente non avrei mai pensato che avrebbe preso una piaga ben diversa dalle altre volte, il sospetto mi era venuto che magari anche lei avesse fatto un pensierino su noi due ma non ho mai pensato che la cosa si sarebbe potuta verificare realmente.

Come ho già detto ieri e stata la mia ultima seduta e mi sono recato allo studio di Francesca entro nella sala d’attesa e mi siedo su una delle sedie che ci sono dall’altra parte della porta dove ce il suo studio sento la sua voce di sicuro stara parlando con qualche altro paziente che sta prima di me, ma dopotutto sono io ad essere in anticipo di ben 15 minuti ma purtroppo essendo che vivo in periferia e Roma e famosa per il traffico ho preferito anticiparmi che piuttosto arrivare in ritardo o forse semplicemente perché non vedo l’ora di essere accarezzato dalle sue mani.

Passati una diecina di minuti sento Francesca salutare la signora che era dentro e la porta si apri, educatamente dissi buonasera alla signora che andò via e con un sorriso entrai nello studio.

Salutai anche lei con un leggero bacio sulla guancia e mi preparai per la mia ultima seduta mi spoglio e resto in slip come al solito e mi sdrai sul lettino sarà ma ieri lei era particolarmente bella sembrava che avesse curato di più il suo look e anche il trucco era più pesante insomma era molto più bona di tutte le altre volte.

Inizia a massaggiarmi la schiena dal punto dove avvertivo dolore alzando leggermente lo sguardo noto quel botto aperto dalla sua camicetta che lasciava intravedere quel reggiseno color carne tutto in pizzo ricamato che conteneva due belle tette tonde e sode, lei non noto che la stavo fissando il balconcino e il massaggio continuo tranquillamente tra una chiacchiera e l’altra, ad un certo punto mi ha chiesto di girarmi cosa molto insolita in tutte le nostre sedute non me l’ha mai detto ma lo fatto senza dire una parola.

Una volta girato lei si è allontanata per un attimo a prendere di nuovo l’olio per iniziare il massaggio lo spalma sulle meni e inizia massaggiarmi, ad un tratto sento le sue mani che dal petto scendono sempre più in basso arrivando ad infilare le punte delle dita dentro gli slip.

Stava chiaramente testando il territorio voleva vedere quale fosse la mia reazione e io la lascio fare per veder fin dove si spinge stando al suo gioco.

In pochi secondi mi ritrovo praticamente con gli slip abbassati con le sue mani che mi massaggiano il pene e lentamente arriva anche ai testicoli massaggiandomi anche quelli in pochi secondi la mia erezione e ben arrivata mi diventa duro come il marmo rendendomi sempre più eccitato.

Continua a massaggiarmi ma il movimento diventa sempre più spinto che anche lei inizia ad ansimare di piacere inizia a spogliarsi e in quel momento non capisco più nulla vederla duna mi manda in estasi è un attimo che la ritrovo con la testa letteralmente abbassata verso il mio attrezzo, lo prende tutto in bocca e inizia lentamente a succhiarlo ansimo di piacere che ho per fino timore di venire subito ma non voglio prima me la scopo per bene.

È brava lo fa bene mi fa prova delle sensazioni che mai ho provato prima non resisto più la stacco la faccio girare e me la scopo per bene lei urla di piacere che continuo ad eccitarmi ancora tanto da scoparmela sempre più selvaggiamente tanto che poco dopo la faccio girare per venirle in bocca.

Sodisfatti di quella “seduta” ci rivestiamo lei mi baci sulle lebbra molto dolcente e mi propene un’altra seduta di massaggi.